Archivi categoria: Blog

(Ri)conoscere la mente degli animali

Tendiamo a sottovalutare le capacità cognitive, affettive ed emotive degli animali. Ci vediamo più diversi di quanto in realtà non siamo. Ma più studiamo il loro comportamento e il loro linguaggio, più scopriamo che non esiste nessuna incolmabile distanza che ci separa da queste creature. Lo sanno bene gli etologi. Capire la natura interiore degli altri esseri senzienti ci fa più consapevoli dei loro diritti, valorizza il rapporto che possiamo intrattenere con essi e arricchisce la nostra visione del mondo.

Presentazione di “Perdita e Ricongiungimento” a Napoli

Cari amici, sabato 8 Aprile alle 11,50 nella Sala del Capitolo di San Domenico Maggiore, vicolo San Domenico Maggiore 18, presenterò il mio ultimo libro “Perdita e Ricongiungimento” . La presentazione avverrà nel contesto del convegno “Cose dell’altro mondo … e la vita continua”. Per informazioni telefonare al numero 3318006328 dalle 16 alle 18. Spero sia un’occasione per incontrare alcuni di voi e dialogare insieme.

 

Generosi, egoisti e mediatori nei gruppi di lavoro

In ogni posto di lavoro, ci sono tre tipologie di persone: le persone generose, gli egoisti e chi media. Lo psicologo del lavoro Adam Grant analizza queste personalità e offre semplici strategie per promuovere una cultura della generosità e per evitare che dipendenti egoisti tengano per sé più di quello che condividono. Cosa ne discende per organizzare un buon gruppo di lavoro?

 

Psicoterapia per affrontare il lutto complicato

Venerdì 24 Marzo a Siena alle ore 18  nella Libreria Senese, in Via di Città, 62/64/66 (a due passi da Piazza del Campo) inizierà la mia presentazione del libro Perdita e Ricongiungimento (Edizioni Mediterranee). Riporto qui di seguito l’Indice degli argomenti trattati nel testo.

 Introduzione

  1. Il lutto: Le fasi del lutto – Il lutto complicato – Il lutto nei bambini – Legami perduranti
  2. Le after death communication (ADC): Frequenza delle ADC – Fenomenologia delle ADC -Verosimiglianza delle ADC
  3. Lo “scetticismo” dogmatico: Saper sospendere il giudizio – Un a priori epistemologico – Rete che getti, pesci che trovi – L’esperimento di Persinger e la sua confutazione
  4. La natura della materia: L’esperimento delle due fenditure – Esperimenti di ottica quantistica – Il tempo quantistico – L’entanglement – Fenomeni fisici e conoscenza: quale rapporto?
  5. La natura della mente: I tre argomenti di Chalmers contro il materialismo – L’argomento della stanza cinese – Argomenti anticomputazionalistici: Lucas, Turing e Penrose – Campi elettromagnetici e apparecchi radio – La confusione fra corpo oggettivo e corpo vissuto
  6. Sperimentazione sulla natura della mente: L’effetto placebo – Le capacità “psi”
  7. Altre forme di esperienza oltremondana: Le deathbed vision – Le near death experience (NDE) – Effetti delle NDE sul corso della vita – Il dibattito in corso: allucinazioni o percezioni extrasensoriali? – Le deathbed coincidence – L’esperienza di morte condivisa
  8. Affrontare il lutto: La psicoterapia classica – EMDR – Attraverso lo specchio – IADC – Fenomenologia del ricongiungimento
  9. Alcuni casi di IADC: Quattro casi di lutto complicato – Movimenti passivi del proprio corpo come messaggi ricevuti – Integrazione dell’IADC nella psicoterapia

   Epilogo

   Appendice A

   Appendice B

   Bibliografia

Ci vogliono una schiena forte e un aspetto delicato

La compassione non è la commiserazione. Da cosa è  formata la compassione? Dalla capacità di vedere chiaramente la natura della sofferenza, di restare forti e di riconoscere che non si è separati dalla sofferenza cui assistiamo, dall’aspirazione a farla superare e a intraprendere attività volte a tal fine, dal non attaccamento a questo stesso risultato.

.

 

Le condizioni mentali della felicità

Matthieu Ricard, biologo molecolare diventato monaco buddista, ha compiuto 40.000 ore di meditazione e ha portato a termine numerose e importanti iniziative umanitarie. In questa conferenza ci parla delle condizioni mentali della felicità e ci riassume i risultati di una ricerca cui si è sottoposto all’Università del Wisconsin. Attraverso la risonanza magnetica funzionale è stata studiata l’attività della sua corteccia pre-frontale, in quanto più questa è alta più la persona è considerata capace di uno stato mentale di ben-essere. I risultati ottenuti con Matthieu Ricard sono stati così straordinariamente positivi da collocarsi al di fuori della curva a campana che descriveva  quelli ottenuti da 150 controlli.

Felicità vissuta e felicità ricordata

Daniel Kahneman è uno psicologo che ha ottenuto nel 2002 il Premio Nobel per l’economia «per avere integrato risultati della ricerca psicologica nella scienza economica, specialmente in merito al giudizio umano e alla teoria delle decisioni in condizioni d’incertezza». Le sue ultime ricerche sono state dedicate al confronto fra l’esperienza vissuta e l’esperienza ricordata. Ne è emerso che la correlazione fra felicità vissuta e felicità ricordata è alquanto bassa.